Logo-ErP

ERP READY

I generatori d’aria calda Apen Group serie LK, L, LR, e PCH/PRH soddisfano i nuovi requisiti della direttiva europea ErP ECODESIGN LOT21 in vigore dal 1/1/2018 e anche quelli che saranno in vigore dal 1/1/2021.

Si tratta quindi di una valida indicazione della qualità e dell’attenzione all’ambiente grazie a superiori rendimenti stagionali, bassi consumi energetici e bassissime emissioni in ambiente di questi prodotti.

Prodotti

PRODOTTI APEN GROUP IDONEI PER “CONTO TERMICO 2.0”

Prodotti Apen Group S.p.A. idonei agli incentivi di cui al D.M.16 Febbraio 2016 “Conto Termico 2.0”

Il Conto Termico è un meccanismo di incentivazione per interventi finalizzati al recupero del consumo energetico attraverso fonti di energia rinnovabile.
Il nostro prodotto HYBRID è stato sviluppato per rispondere alle richieste ed alle normative per produrre energia rinnovabile.
A partire dal 31/05/2016 è in vigore il nuovo Conto Termico denominato appunto “Conto Termico 2.0”, che potenzia e semplifica la precedente edizione del 2012. Desideriamo riassumere brevemente i punti importanti al fine di agevolarVi nell’ottenimento dell’agevolazione.

Soggetti che possono accedere al Conto Termico secondo la tipologia di impianti:

SOSTITUZIONE DI IMPIANTI ESISTENTI:

  • Generatori IBRIDI della serie AQUAPUMP Hybrid 434, AQUAPUMP Hybrid 534
    Soggetti: sia Privati che Amministrazioni Pubbliche
  • Gamma completa di Caldaie a Condensazione AKY
    Soggetti: solo Amministrazioni Pubbliche
  • Generatori di aria calda a condensazione serie LK-Unità di trattamento AH
    Soggetti: solo Amministrazioni Pubbliche

NUOVI INTERVENTI
(edifici di nuova costruzione o sottoposti a ristrutturazione rilevante):
Beneficiano degli incentivi limitatamente alla quota eccedente quella necessaria per il rispetto degli obblighi previsti dal D.Lgs.28/2011 (“Decreto Rinnovabili”).

  • Generatori IBRIDI della serie AQUAPUMP Hybrid 434, AQUAPUMP Hybrid 534
    Soggetti: sia Privati che Amministrazioni Pubbliche
  • Gamma completa di Caldaie a Condensazione AKY
    Soggetti: solo Amministrazioni Pubbliche
  • Generatori di aria calda a condensazione serie LK-Unità di trattamento AH
    Soggetti: solo Amministrazioni Pubbliche

Rispetto alle precedenti edizioni del Conto Termico viene introdotta un’importante novità:
per incentivi inferiori a € 5.000,00 il GSE corrisponde l’incentivo in un’unica rata.

Non possono essere riconosciuti gli incentivi del Conto Termico 2.0 agli interventi per la cui realizzazione siano concessi altri incentivi statali.

A titolo esemplificativo riportiamo nella tabella seguente l’ammontare annuo dell’incentivo relativo al nostro generatore AQUAPUMP Hybrid:

incentivo

Per i generatori Ibridi, l’ammontare dell’incentivo è in funzione della zona climatica di installazione. In aggiunta agli importi sopra esposti, risultano incentivabili anche le spese relative a:

  • smontaggio e dismissione dell’impianto di climatizzazione invernale esistente, parziale o totale;
  • fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, delle opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione a regola d’arte di impianti di climatizzazione invernale.

Negli interventi ammissibili sono compresi, oltre a quelli relativi al generatore di calore, anche gli eventuali interventi sulla rete di distribuzione, sui sistemi di trattamento dell’acqua, sui dispositivi di controllo e regolazione, nonché sui sistemi di emissione.

COME ACCEDERE AL CONTO TERMICO

L’accesso agli incentivi deve avvenire tramite il portale web “Porta/Termico”.

Sul sito del GSE è presente un Catalogo di apparecchi con caratteristiche tecniche conformi ai requisiti del D.M. 16/02/2016: al momento non sono inseriti né i generatori ibridi né le caldaie a condensazione né i generatori. Ciò comunque non esclude tali tipologie di prodotti dall’incentivazione.

Il catalogo verrà a breve aggiornato con le suddette tipologie di prodotti: sarà quindi possibile accedere agli incentivi con una procedura semplificata, come previsto dall’art.6 comma 2 del D.M. 16/02/2016.